Superbonus 110%

Il Decreto Rilancio n. 34 del 19 maggio 2020, convertito in Legge n. 77 del 17 Luglio 2020,
ha introdotto due importanti novità per gli interventi di riqualificazione energetica e antisismica:

  • Innalzamento al 110% del bonus per le agevolazioni fiscali;
  • recupero del bonus fiscale tramite cessione del credito d’imposta oppure lo sconto in fattura.

È possibile ripartire la detrazione fiscale in cinque quote annuali di pari importo, oppure la possibilità di recuperare il bonus, scegliendo, per ogni intervento, due diverse modalità:

  • Cessione del credito di imposta Superbonus ad altri soggetti, inclusi gli istituti di credito come la Banca di Pesaro;
  • Sconto Superbonus in fattura sul corrispettivo dovuto al fornitore (es. impresa edile che esegue la riqualificazione)

Nel caso dello Sconto in fattura, concordato con l’azienda che esegue i lavori, il tuo credito d’imposta passerà in capo al fornitore, che potrà a sua volta utilizzarlo in compensazione con facoltà di cessione del credito fiscale ad altri soggetti, inclusi gli istituti di credito come Banca di Pesaro.


Banca di Pesaro è a supporto sia per il programma dei lavori di ristrutturazione grazie agli Accordi raggiunti dalla Capogruppo Iccrea con terze parti (guarda il video) per la gestione di tutta l’operazione attinente al credito di imposta e sia dal punto di vista finanziario per realizzare gli interventi di riqualificazione che beneficiano delle agevolazioni previste dal Decreto Rilancio.

Il nuovo Decreto prevede la possibilità di accedere al bonus sulle spese sostenute dall’1° luglio 2020 al 31 dicembre 2021 per l’esecuzione di interventi su condomini o case private (cosiddetti “trainanti”):

  • Interventi di isolamento termico (su almeno un quarto dell’involucro esterno dell’edificio e fino a un massimo di 50.000 euro);

  • Sostituzione delle caldaie con impianti centralizzati a condensazione, a pompa di calore o ibridi (per interventi sulle parti comuni degli edifici, fino a un massimo di 20.000 euro per unità immobiliare);

  • Sostituzione delle caldaie con impianti a pompa di calore o ibridi (Per interventi su edifici unifamiliari, fino a un massimo di 30.000 euro per unità immobiliare);

  • Interventi antisismici sugli edifici (Spese fino a un massimo di 96.000 euro per unità immobiliare ubicata nelle zone a rischio sismico 1, 2 e 3).

Se verranno eseguite una di queste quattro tipologie di spese sopra elencate (iniziative “trainanti”), potrai avere diritto al bonus 110%, nei limiti di spesa previsti per ciascuno, anche per altre tipologie di interventi eseguiti congiuntamente (cosiddetti “trainati”), compresi quelli che già oggi beneficiano del bonus con percentuali minori:

  • Altri interventi di efficientamento energetico (per interventi minori che già oggi beneficiano del bonus come ad esempio la sostituzione infissi);

  • Impianti solari fotovoltaici (per installazioni connesse alla rete elettrica fino ad un ammontare complessivo massimo di 48.000 euro);

  • Ricarica di veicoli elettrici (installazione negli edifici delle necessarie infrastrutture).

Coloro che potranno usufruire del Superbonus saranno i seguenti soggetti:

  • Persone fisiche (per lavori su singole unità immobiliari non adibite ad attività d’impresa, arte o professione, nel massimo di due per singolo proprietario)
  • Condomìni (nel caso di lavori sulle superfici comuni come la realizzazione del cappotto termico, l’installazione d’impianti fotovoltaici o la sostituzione della caldaia)
  • Istituti autonomi case popolari (IACP)
  • Cooperative edilizie di abitazione a proprietà indivisa
  • Enti del terzo settore iscritti nei pubblici registri (ONLUS, Organizzazioni di volontariato, APS)
  • Associazioni e società sportive dilettantistiche (per lavori sugli immobili adibiti a spogliatoi)

Messaggio pubblicitario con finalità promozionale.
Per le condizioni contrattuali dei prodotti e dei servizi illustrati e per quanto non espressamente indicato è necessario fare riferimento ai Fogli Informativi che sono a disposizione dei clienti presso tutte le Filiali della Banca e sul nostro sito internet, nella sezione Trasparenza e Norme.